Comunicato Cso Terzopiano

A una settimana di distanza dal presidio agli uffici amministrativi della proprietà dello stabile di via Irnerio e alla loro dichiarata e chiara intenzione di avviare la procedura di sgombero a tutti i costi, si è svolta oggi una nuova giornata di lotta e rivendicazione sotto il comune di Bologna.

Con gli occupanti di via Irnerio 13 e delle scuole Ferrari, ASIA-USB e gli utenti dell’aula studio abbiamo palesato le nostre intenzioni: una richiesta di incontro con la giunta per avere risposte sull’emergenza abitativa e sulla requisizione degli stabili sfitti. Per tutta risposta il consiglio comunale riunito a Palazzo D’Accursio concede un incontro con l’assessore alla cultura Ronchi: evidente il tentativo di non prendere sul serio le rivendicazioni portate dal presidio. E’ per questo che un gruppo di compagni e di abitanti resistenti sono entrati nella sala di consiglio e l’hanno interrotto, esigendo di avere un confronto quantomeno con gli assessori competenti Malagoli e Frascaroli che negli ultimi mesi hanno speso belle parole e promesse di mediazione e disponibilità. Eppure la risposta è stata di chiusura: la presidente dell’assemblea, come riportano i giornali, si rifiuta di dialogare in quanto sostiene che “finchè manterranno questo atteggiamento, io non intercederò per loro”, mentre fuori del palazzo, al tentativo del presidio di portarsi all’interno, la risposta è esemplificata da spintoni con gli scudi e calci da parte delle “forze dell’ordine” schierate in gran numero.

E’ stata solo la determinazione della delegazione in consiglio comunale e del presidio che non si è disperso dopo i momenti di tensione a costringere al confronto l’amministrazione comunale tramite l’assessore Malagoli. Ancora una volta sono state portate le richieste del movimento di lotta per la casa: moratoria sugli sfratti, sanatoria per le occupazioni abitative presenti sul territorio, ma soprattutto la requisizione degli stabili sfitti come soluzione all’emergenza abitativa in atto.

A quanto pare però l’amministrazione cittadina non è determinata ad assumere posizioni e responsabilità politica, di cui sarebbe investita, di fronte alla cittadinanza e alle problematiche sociali, mantenendo una linea di ambiguità che nei fatti favorisce il profitto privato e gli speculatori, rifiutando anche solo di prendere in considerazione soluzioni concrete e reali: e’ proprio all’interno di questa cornice che leggiamo lo scarico di responsabilità fra l’amministrazione, la prefettura e la proprietà. E’ per questo che crediamo che la costruzione di un’alternativa reale alle problematiche sociali, politiche e culturali non possa che continuare a svilupparsi all’interno delle lotte e degli spazi che vedono il confronto e l’organizzazione collettiva come punto centrale nonostante le difficoltà, gli errori e le carenze possibili. E’ questo lo stimolo che sta alla base del Cso Terzopiano, come di tutti quei cantieri ed esperienze che al proprio interno siamo riusciti e stiamo facendo vivere, a partire dall’aula studio passando per le proeizioni, l’atelier, Radio Machete, i momenti di socialità, il tentativo di mantenere un livello di discussione politica alta e inclusiva nell’assemblea settimanale e la quotidiana collaborazione con ASIA per la gestione dell’occupazione.

“Noi Restiamo” rimane la nostra parola d’ordine ora più che mai, perchè percepiamo il bisogno di dare continuità a percorsi di dialogo e crescita politica laddove questi vengono consapevolmente negati dalle istituzioni nazionali e continentali, relegando le classi popolari a spettatori inermi su cui scaricare i costi del mantenimento dello stato di cose presente, ponendo oramai di fronte a scelte obbligate: restare e subire o rincorrere il sogno di migrazioni impossibili. E’ proprio questa catena che vogliamo e dobbiamo spezzare, dando forma ad altre scelte, ad altri modelli di vita e società che invece crediamo possibili e che non si arresteranno davanti a minacce di repressione o sgomberi. Non abbiamo la presunzione di essere sufficienti a farci carico di una rivendicazione totalizzante e onnicomprensiva, il solo modo per continuare questo percorso è la connessione e la solidarietà tra esperienze e lotte già presenti e radicate così come in via di strutturazione. Dare organicità a ciò che si muove nel panorama antagonista deve essere l’obiettivo di chiunque voglia impostare un discorso che sia nel più puro dei sensi politico, e in questo senso percepiamo l’importanza di segnali come l’appuntamento lanciato dalla mensa popolare “eat the rich” per un pranzo in solidarietà all’occupazione di via Irnerio mercoledì 22 a Vag 61. Così come il rapporto intrecciato con il comitato No People Mover, che denuncia un’altra realtà di sfruttamento dei contributi pubblici per la realizzazione di opere inutili e dispendiose.

Ribadiamo pertanto la nostra determinazione a non cedere di un passo nella nostra lotta, tanto quella per mantenere lo spazio conquistato in via Irnerio quanto la prospettiva più generale che costruiamo e continueremo a costruire a dispetto di ogni porta chiusa che troviamo sulla nostra strada.

Centro Studio Occupato TerzoPiano

Via Irnerio, la “soluzione” del Comune è un tavolo di confronto

Messa alle corde dalla protesta di ieri, l’amministrazione chiede al Sant’Orsola di posticipare lo sgombero. Gli occupanti: “nessuna soluzione concreta, solo uno scarico di responsabilità”.

asia2Con una nota congiunta degli assessori alla casa e alle politiche sociali, diffusa in giornata, il Comune prova a intervenire nella vicenda del Cso Terzo Piano, sotto sgombero da parte dell’Azienda Ospedaliera Sant’Orsola. I due assessori fanno sapere di “essersi attivati” nei confronti della proprietà perché sospenda per il momento le operazioni di sgombero, in attesa della convocazione da parte del Prefetto di un tavolo di discussione “sul tema dell’emergenza abitativa in città”, che dovrebbe coinvolgere gli enti pubblici proprietari di immobili sfitti.

Sostanzialmente nulla di nuovo dunque rispetto a quanto affermato già ieri, in un incontrocon gli occupanti del Cso Terzo Piano a seguito della protesta di questi ultimi in consiglio comunale. L’Amminstrazione, messa alle corde dalle lotte di questi mesi e dai numeri dell’emergenza abitativa, prova a prendere tempo, mascherando la mancanza di qualsiasi risposta concreta dietro l’attivazione di presunti percorsi di mediazione. Un gioco allo scarico di responsabilità tra istituzioni cittadine che tra l’altro ricorda molto da vicino le vicende di un anno fa dello sgombero di Bartleby, quando il Comune si pose in un ruolo di finto mediatore tra il collettivo e l’Università, e di fatto avallò lo sgombero dello spazio sociale di via Petronio Vecchio. Si ripropongono le stesse dinamiche?

La nota arriva come tentativo di risposta alla giornata di protesta di ieri quando gli occupanti di via Irnerio, insieme a quelli delle scuole Ex Ferrari e ad Asia Usb, hanno portato a Palazzo d’Accursio le ragioni della loro lotta, trovando la porta sbarrata da un ingente spiegamento di polizia. Solo dopo che con grande determinazione i manifestanti sono riusciti a far entrare una delegazione all’interno del palazzo l’Amministrazione si è sentita in dovere di dare una risposta.

Il diritto alla vita passa attraverso l’organizzazione delle lotte

presidioCon l’inizio del nuovo anno gli occupanti di via Irnerio 13 hanno trovato nuovo carbone nella calza della befana, ricevendo una lettera da parte dell’azienda ospedaliera universitaria Sant’Orsola, proprietaria dell’immobile lasciato all’incuria da anni, la quale avvisava di aver proceduto con la richiesta di sgombero alle autorità competenti. Dopo mesi in cui avevamo chiesto un confronto con la Direzione ospedaliera e l’Università, questa è stata la prima e unica risposta ufficiale pervenutaci.

Per questo abbiamo ritenuto che fosse arrivato il momento di attivare immediatamente una mobilitazione in sostegno del percorso collettivo avviato dopo le intense giornate del 18 e 19 ottobre, convocando intanto per la mattinata di oggi insieme ad Asia-Usb un presidio di fronte agli uffici amministrativi del Sant’Orsola, in via Albertoni. La presenza massiccia degli abitanti di entrambe le occupazioni abitative presenti in città, di quel mondo giovanile e precario che attraversa ogni giorno le aule e i progetti del Centro Studio Occupato TerzoPiano e di molti compagni solidali, ha indotto la Direzione ospedaliera ad accettare ben presto un confronto reale e non solo formale, sedendo a un tavolo con una delegazione di chi da ottobre sta valorizzando gli spazi abbandonati. Ma evidentemente la posizione espressa nella lettera non cambia: rientrare in possesso dello stabile, sgomberare gli occupanti illegittimi.

Senza scendere in alcuni cavilli pretestuosi, come la presunta inagibilità di alcuni locali, dichiarati invece perfettamente a norma dagli stessi periti mandati a dicembre dalla Prefettura con il chiaro intento di avvallare il procedimento di sgombero, e palesemente sconfessata anche dalla presenza di attività commerciali dentro lo stesso immobile, quello che ci è apparso interessante è la visione globale assunta a monte dall’azienda. Ci dicono in sostanza che i tagli alla sanità portano la Direzione a ritenere indispensabile il patrimonio alienabile, che la nostra presenza all’interno ne inficia il valore di mercato, che (citiamo) “un ospedale deve garantire la possibilità di accedere alle cure, non di vivere”! Un lapsus, una frase uscita male, che conferma però tutto l’impianto ideologico aberrante dei ragionamenti portati avanti questa mattina e fossilizzato ormai a ogni livello delle strutture dirigenziali di questo paese sotto austerity. Ogni volta che diciamo che la crisi si sta facendo sistema non proferiamo uno slogan a caso, ma constatiamo la nuda crudezza della realtà che ci incombe da tutti i lati. Finché la scarsità di risorse viene posta come giustificazione per ogni muro alzato contro la sussidiarietà tra persone, non potremo che proseguire sul sentiero di immiserimento verso cui ci hanno indirizzati. La contrapposizione tra diritti diversi, per la salvaguardia del privilegio di chi in cima continua a competere per spartirsi bottini sempre più vasti e monopolizzati, è lasciata intendere come risultante di fattori economicamente imperanti; la piramide alla base della quale accomunare le sorti di fasce di popolazione sempre più ampie è una costruzione necessaria per la sopravvivenza del capitale a queste latitudini, in questo momento storico, e la cui gestione è lasciata in mano agli organi decisionali, di controllo e repressivi della macchina statale integrata sempre più in un processo di accentramento continentale. La delineazione dei contorni di un blocco sociale antagonista non è quindi un divertisment dell’intelletto, ma un dato di fatto imposto dall’alto che chiunque voglia garantirsi uno stile di vita superiore alla sopravvivenza deve tenere in conto.

La battaglia politica e culturale portata avanti negli ultimi trent’anni è stata vinta dal pensiero neoliberale su tutta la linea. Eppure non dimentichiamo che l’attacco frontale che stiamo subendo, ormai anche sul piano materiale, produce da sé la base oggettiva per l’emersione delle lotte da contrapporre alla negazione della mediazione, negazione data come obbligata non da nostri velleitarismi estremisti, ma dalla stessa controparte. Le fantomatiche “risorse scarse” sono evidentemente ancora sufficienti per lasciarci le briciole, per un’educazione decente se ce la possiamo permettere, per un lavoro da fame se lo troviamo, per andare proprio all’ospedale se ci ammaliamo vivendo sotto un ponte (come alcuni abitanti di via Irnerio hanno fatto giustamente notare alla direttrice che avocava per il suo ospedale una “mission aziendale diversa da quello che chiedete voi”!). Contro le logiche al ribasso vogliamo contrappore il diritto a una vita decorosa sotto tutti i profili. E’ lontana dal prendere forma una soggettività adeguata a questa rottura e capace di generalizzare logiche differenti, e siamo costretti a rivendicare un incontro col Comune nelle persone di quegli assessori che avevano rilasciato dichiarazioni di buone intenzioni e di apertura, perché le tramutino in fatti nell’intermediazione con la proprietà. Ma ciò non toglie che è solo attraverso il confronto e l’organizzazione collettiva del livello reale delle lotte che pensiamo si possa progredire sulla strada per un futuro diverso. La qualità dei risultati che in molte città la lotta per l’abitare può sempre più annoverare, anno dopo anno, è un valido supporto esemplificativo per le nostre convinzioni.

E’ all’obiettivo di creare massa critica tra diverse componenti dell’autonomia della conflittualità sociale e politica che puntiamo ogni giorno attraverso le iniziative, i progetti e la discussione del TerzoPiano. Consci dell’insufficienza della nostra resistenza alla precarietà a cui ci vogliono relegare, sappiamo però che solo la messa in rete dell’individuazione del piano del confronto-scontro con la controparte e della progettualità politica possono dare respiro e indirizzo alle vertenze.

Intanto la mobilitazione prosegue, prevediamo subito un secondo appuntamento per settimana prossima, perché non vogliamo rinunciare a questa realtà che si sta costituendo negli spazi liberati di via Irnerio. Individuare il piano del confronto nell’area del Mediterraneo, resistere e organizzarsi, non accettare la proposta di fuga in paradisi inesistenti: Noi Restiamo!

Cso TerzoPiano
Noi restiamo

Via Irnerio, Sant’Orsola conferma: “Sgombereremo”

11947207565_080f03fdabOggi presidio degli occupanti alla sede dell’azienda ospedaliera, che non retrocede sull’intenzione di sfrattare tutti e mettere all’incanto lo stabile. Asia: “Metà delle aste a vuoto, non c’è necessità”. I comunicati di Taksim e Cso TerzoPiano.

Presidio davanti alla sede amministrativa del Policlinico Sant’Orsola-Malpighi questa mattina per gli attivisti di Asia-Usb e gli occupanti dei via Irnerio 13, di proprietà dell’azienda ospedaliera, in seguito alla lettera di sgombero ricevuta nei giorni scorsi.

C’erano famiglie con bambini, studenti e precari, oltre alla presenza solidale degli occupanti delle ex Scuole Ferrari, di Taksim e di SocialLog. Hanno protestato davanti all’ingresso e rivendicato il diritto ad entrare nello stabile, ma un cordone di polizia in tenuta antisommossa ha impedito l’accesso.

Dopo una breve trattativa gli occupanti sono riusciti ad ottenere un incontro con l’Azienda al termine del quale però, come riferisce uno degli attivisti,  il Sant’Orsola ha confermato che “continuerà a portare avanti la richiesta di sgombero – riferisce un attivista – e che intende svolgere la seconda asta per l’alienazione dello stabile”, tuttavia “sappiamo bene che metà del patrimonio pubblico che viene messo all’asta non viene venduto, quindi non c’è la necessità di uno sgombero”.  Asia risponde anche alle accuse che vi siano “problemi strutturali dell’edificio”: i vigili del fuoco infatti,  “hanno effettuato un sopralluogo certificando che non c’è pericolo di crollo, come si poteva facilmente immaginare vista la presenza di esercizi commerciali”.  Gli occupanti  ribadiscono quindi  la volontà di resistere anche in caso di intervento delle forze dell’ordine per evitare che “14 famiglie finiscano di nuovo per strada” e annunciano un’altra giornata di mobilitazione per lunedì.

* * *

> Il comunicato dello Studentato Occupato Taksim:

Solidarietà ad Asia-Usb!
Nessuno sgombero per l’occupazione abitativa di via Irnerio!

Oggi abbiamo avuto un’ulteriore conferma di come le istituzioni cittadine, in questo caso il Policlinico Sant’Orsola, continuano a non mettere al centro delle proprie politiche la questione abitativa che in una città come Bologna, sotto gli effetti della crisi, colpisce sempre di più studenti, lavoratori, famiglie e migranti. Si preferisce continuare a speculare sul patrimonio pubblico lasciato vuoto (non ci risulta che in via Irnerio fosse attivo un servizio ospedaliero…) svendendolo a privati, come accadrà per lo stabile di via Irnerio, piuttosto che pensare al presente delle 14 famiglie che vi abitano. Nessuno sgombero fermerà la nostra lotta per la dignità e la giustizia sociale. Una sola grande opera: casa, reddito e dignità per tutt*!

S.tudentato O.ccupato Taksim

da zic.it