STACCHIAMO LA SPINA A QUESTO SISTEMA! LE NUOVE TRAIETTORIE DEI PIANI ENERGETICI UE E L’EMILIAROMAGNA

Di fronte all’imporsi della crisi climatica, non è più possibile ridurre il problema dell’attivismo ambientalista a qualche etichetta green o ad un semplicistico discorso sull’innalzamento dei livelli di Co2 nell’atmosfera. È necessario che l’analisi scientifica e politica dei fenomeni climatici venga messa a disposizione della pratica militante, per dare vita a una prospettiva di lotta in grado di trovare una

Continua a leggere

MAI PIÙ COME PRIMA. ROMPIAMO IL PARADIGMA EMILIA-ROMAGNA! Appunti per la lotta ambientalista in Regione

MAI PIÙ COME PRIMA La Regione Emilia-Romagna è da maggio scorso al centro di uno degli episodi climatici più traumatici degli ultimi anni: l’alluvione, oltre a mostrare il potenziale distruttivo della crisi ambientale in atto, ha palesato il fallimento del modello di sviluppo dominante nel far fronte a questo tipo di emergenze. L’intera classe dirigente, dalla “rossa” Regione al “nero”

Continua a leggere

DALLA COP 28 AL G7: CAMBIARE VERTICE AFFINCHÉ NULLA CAMBI

Il cambiamento climatico è un dato imposto dalla realtà, ed è palese la necessità di affrontarlo pena la sopravvivenza della specie umana sulla Terra, quanto è palese che sia necessario adottare una strategia di carattere mondiale perché è un problema che interessa tutti. Questo è stato chiaro fin dal 95, quando la prima Conferenza delle Parti (Conference of Parties –

Continua a leggere

Ecoresistenze in sostegno dello sciopero dei trasporti per un servizio pubblico, ecologico e di qualità

In occasione dello sciopero nazionale del trasporto pubblico locale indetto per la giornata di oggi da Unione Sindacale di Base, come Ecoresistenze appoggiamo i lavoratori e prendiamo posizione sul tema dei trasporti, dal momento che è strettamente legato alla questione ambientale ed è un indicatore del tipo di sviluppo che la città si da’ in un dato sistema economico. Sebbene

Continua a leggere

COSTRUIAMO ECO-RESISTENZE PER CAMBIARE ROTTA!

Segui su instragram: https://instagram.com/ecoresistenzexcambiarerotta?igshid=MzRlODBiNWFlZA== /// Viviamo e agiamo nel cuore di quel mondo occidentale oggi in crisi sotto ogni punto di vista, la crisi climatica ci pone di fronte a un bivio: abbandonarsi ad un atteggiamento rinunciatario ed individualista, oppure accettare la sfida che si pone dinnanzi all’Umanità del XXI secolo: smascherare i responsabili, organizzarsi per resistere all’ecocidio in corso

Continua a leggere

ROMA BRUCIA 1975-2023

Condividiamo e supportiamo il cortometraggio autoprodotto vincitore del concorso giovani del Festival delle Terre 2023 del Centro Internazionale Crocevia, di Norma Ray Franco e Francesco Ramón Franco, due giovani abitanti e attivisti del Comitato Giovani per la Valle Galeria Libera. Un pezzo di storia delle periferie romane: le parole di Ivo sono le parole che tutti i giovani del territorio

Continua a leggere

UNIVERSITA’ BICOCCA COMPLICE DI ENI E DELLA FALSA TRANSIZIONE ECOLOGICA

INTERVISTA A MARCO GRASSO, DOCENTE DELL’UNIVERSITA’ BICOCCA DI MILANO DIMESSOSI DA DIRETTORE DELLA SUA UNITA’ DI RICERCA DOPO L’ACCORDO SIGLATO DALL’ATENEO CON ENI Abbiamo avuto il piacere di incontrare e fare alcune domande a Marco Grasso, docente dell’università Bicocca di Milano, che ha deciso di dimettersi dall’incarico di direttore della sua unità di ricerca “Antropocene” in opposizione a un accordo

Continua a leggere

GRETA THUNBERG APRE AL NUCLEARE? NON C’E’ SOLUZIONE PER SALVARE IL PIANETA DENTRO AL CAPITALISMO, E’ TEMPO DI CAMBIARE ROTTA!

È di pochi giorni fa la dichiarazione che ha fatto molto discutere di Greta Thunberg riguardo all’energia nucleare. In un’intervista condotta da una giornalista tedesca Greta ha sostenuto che è un errore chiudere in piena crisi energetica le centrali nucleari tedesche e che il nucleare è la soluzione migliore per sostituire il carbone nei primi periodi della transizione energetica. Anche

Continua a leggere

CAORSO 22 MAGGIO: ABBANDONARE LE ILLUSIONI, ORGANIZZARE LA LOTTA!

La mobilitazione contro il progetto di rilancio dell’energia da fissione nucleare attraverso la tassonomia “verde” europea che abbiamo deciso di promuovere domenica 22 maggio alla centrale di Caorso ha voluto lanciare un segnale chiaro: per salvare l’ambiente bisogna rompere ogni subalternità ideologica e materiale con i responsabili dell’infarto ecologico che stiamo già vivendo. Davanti alla sfacciataggine con cui l’Unione Europea

Continua a leggere
1 2 3