Un passato scomodo. La memoria della Resistenza a quarant’anni da “Un biglietto del tram”

Il  fenomeno fascio-leghista, la sedimentazione delle destre reazionarie nel cuore di un continente in crisi e la riscoperta vitalità nazifascista ai suoi confini, sono questioni di rilevanza storica che non possiamo trascurare. Per questo intorno al 25 aprirle la nostra campagna nazionale insiste nel rilanciare iniziative pubbliche di riflessione sul ruolo dei fascisti nella storia del nostro paese e momenti di denuncia che attraversino le strade delle nostre città.

Qui proponiamo la recensione ragionata di una delle più note fatiche targate Stormy Six.

Continua a leggere

TO- La guerra alle porte d’Europa: presentazione dei libri di Enrico Vigna e della Rete Noi Saremo Tutto

51HVjDsGFwL._SX351_BO1,204,203,200_Titolo: TO- La guerra alle porte d’Europa: presentazione dei libri di Enrico Vigna e della Rete Noi Saremo Tutto
Luogo: Campus Luigi Einaudi, Lungo Dora Siena 100, Torino
Descrizione: Da mesi ormai si combatte in Ucraina e da mesi va avanti la campagna di disinformazione da parte dei media occidentali.
Per evitare di cadere in pericolose trappole mediatiche, presenteremo e discuteremo con gli autori due libri recentemente usciti sulla situazione Ucraina:
“Ucraina – golpe guerra resistenza” a cura della rete Noi Saremo Tutto
“Ucraina, Donbass – I crimini di guerra della giunta di Kiev” di Enrico Vigna

Organizzano:
Giovani Comunisti – Torino
Noi Restiamo – Torino
Ora inizio: 16:30
Data: 23-04-2015

Intervista a un militante di Ernai (organizzazione giovanile indipendentista – Euskal Herria)

Come campagna Noi Restiamo abbiamo avuto l’opportunità di ospitare lo scorso 26 marzo l’iniziativa organizzata in varie città d’Italia dall’organizzazione di solidarietà internazionale verso i Paesi Baschi – EHL, Euskal Herriaren Lagunak – a cui abbiamo recentemente aderito. Abbiamo avuto modo in quell’occasione di intervistare un compagno basco membro dell’organizzazione giovanile Ernai, indagato e poi assolto nel processo di illegalizzazione delle organizzazioni giovanili basche, e che ha ricalcato poi i temi affrontati nel partecipato dibattito serale svolto al CSO Terzopiano di via Irnerio 13 a Bologna.

Nell’intervista abbiamo potuto raccontare quella che è la situazione della lotta del popolo basco, ma è per noi anche un tassello importante per aprire un dibattito rispetto a questioni politiche che riteniamo centrali rispetto al contesto in cui ci troviamo in Europa oggi e con cui siamo chiamati a confrontarci. Continua a leggere

I frammenti di realtà in “Vizio di forma”

vizio

L’ultimo film di Paul Thomas Anderson, basato su una recente fatica letteraria dello scrittore statunitense Thomas Pynchon, è un oggetto difficile da maneggiare. La cifra stilistica di questo oggetto si può riassumere nello spiazzamento, nel disorientamento che provoca in chiunque tenti di arrivare al suo nucleo fondamentale. Durante la visione del film lo spettatore si trova nella difficile situazione di districarsi in una trama che si complica col passare dei minuti, e che mette in discussione ogni passaggio logico. La non facile ‘leggibilità’ dell’intreccio narrativo è ciò che ha fatto più discutere – e forse non a torto.

Vizio di forma è la parodia di un noir classico, sradicato dalle lugubri e piovose ambientazioni notturne delle metropoli anni Cinquanta, e trapiantato nell’assolata California dei Seventies. Nel ruolo d’investigatore, dell’eroe “negativo” in costante conflitto con la Legge, troviamo il detective privato Larry “Doc” Sportello, ironica figura di hippie sconvolto dalle droghe ma capace di grandi intuizioni, come dimostrerà nel film.

Continua a leggere