TAV, GUERRA, E RICERCA: RILANCIARE LA LOTTA ANTIMPERIALISTA E ANTIMILITARISTA NEI LUOGHI DELLA FORMAZIONE

Pubblichiamo il nostro contributo presente nell’opuscolo curato dal nodo Torino e cintura del movimento No Tav: “IL TAV E I CORRIDOI DI MOBILITA’ MILITARE EUROPEA” di cui riportiamo qui sotto l’indice completo: 1- “Chi non si muove non sente le sue catene” – Nicoletta Dosio2 – “Il Tav all’interno dei corridoi di mobilità militare europea” – Assemblea No Tav Torino e

Continua a leggere

Russofobia e sciovinismo europeo

Gli eventi che si stanno susseguendo in queste ore segnano un’esplosione di russofobia senza precedenti recenti in tutto l’Occidente capitalistico, con l’Europa in prima fila.  Tutto ciò che è russo in ambito culturale, sportivo, artistico, accademico entra nel tritacarne di un nuovo maccartismo, senza incontrare alcuna opposizione nelle “sfere alte” della società, che oramai hanno sdoganato questa forma di razzismo,

Continua a leggere

Fuori la Nato e il nucleare dall’Italia, Guerra alla guerra!

Domenica 6 marzo, ore 14:30, presidio alla base nato di Ghedi Gli imperialismi occidentali, Stati Uniti e Unione Europea, per anni, hanno soffiato sul fuoco della guerra espandendo la NATO sempre più a est e lavorando alla costruzione dell’esercito europeo. Dopo otto anni di provocazioni, la risposta Russa con invasione dell’Ucraina ha riportato la guerra guerreggiata alle porte dell’Europa. In

Continua a leggere

DALLE SCUOLE ALLE STRADE, UNA GENERAZIONE IN LOTTA PER RIBALTARE IL PRESENTE!

Oggi migliaia di studenti sono scesi in piazza in più di 40 città d’Italia da Bari a Torino per chiedere le dimissioni del ministro Bianchi e l’abolizione dell’alternanza scuola-lavoro (pcto), in una data di mobilitazione studentesca nazionale sostenuta dal sindacalismo conflittuale e con la proclamazione di sciopero dell’USB nel comparto scuola. Un altro passaggio importante della lotta del movimento studentesco

Continua a leggere

L’UNIONE EUROPEA SEMPRE PIÚ VICINA AL NUCLEARE. IL NOSTRO FUTURO È IN PERICOLO: AI NOSTRI POSTI CI TROVERETE!

Verso una primavera di lotta ambientale e antinuclearista! Oggi, la Commissione Europea ha adottato l’atto delegato che definisce nel dettaglio la tassonomia verde che dice agli investitori privati che cosa sia un investimento sostenibile e che cosa non lo sia. La tassonomia che include al suo interno nucleare e gas naturale è l’ennesimo passo verso l’esplicitazione della natura opportunistica del

Continua a leggere

L’ORGANIZZAZIONE È LA CHIAVE DELLA VITTORIA! Campagna nazionale tesseramento 2022 Cambiare Rotta

Unisciti anche tu all’organizzazione giovanile comunista che lotta ogni giorno nelle università, nei quartieri e nei posti di lavoro per abbattere lo sfruttamento e l’oppressione di un modello di sviluppo disumano e regressivo. Contro l’Unione Europea che opprime i popoli dentro i suoi confini, attaccando diritti e salari dei lavoratori, e fuori con guerre, destabilizzazioni e ingerenze internazionali. Per il

Continua a leggere

LORENZO, LUANA, FILIPPO… LA NOSTRA GENERAZIONE GRIDA VENDETTA: ABOLIRE L’ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO SUBITO!

È notizia di pochi giorni fa l’omicidio di Lorenzo, in provincia di Udine, durante l’alternanza scuola-lavoro. L’ennesimo morto che si aggiunge ai numerosi episodi passati dove giovani ragazzi o ragazze sono stati uccisi dalla violenza del profitto, che non solo ci costringe a lavorare in condizioni di insicurezza, precarietà e sfruttamento ma che ha permeato profondamente anche il nostro sistema

Continua a leggere

2022: QUALE FUTURO PER I GIOVANI DENTRO L’UNIONE EUROPEA?

Queste prime settimane del 2022 stanno presentando un bilancio tragico per quanto riguarda l’avanzata sempre più dilagante della pandemia: con oltre due milioni di casi solo in Italia ci ritroviamo in una situazione che le stesse classi dirigenti hanno ancora difficoltà ad affrontare mettendo in campo mezze misure fallimentari, uno scenario nettamente diverso dalla “ripresa” millantata da Ursula Von der

Continua a leggere

PONZIO POLITO: SUGLI INGANNI DI FRONTEX E POLITECNICO

Ieri per la prima volta dopo tanto tempo il Politecnico di Torino ha conosciuto una giornata di mobilitazione partecipata e determinata che non si vedeva da tempo: più di 200 fra studenti, docenti e solidali si è radunata nel primo pomeriggio all’ingresso di Corso Duca degli Abruzzi con parole d’ordine chiare: stracciate gli accordi con Frontex. Un risultato che non

Continua a leggere
1 2 3 4 41